Nuvole di Celluloide: novità su Iron Man 3, dai set di The Amazing Spider-Man 2 e molto altro marzo 10, 2013

bgn2

: novità

La settimana appena trascorsa ha visto al centro dell’attenzione il terzo capitolo cinematografico sull’eroe in armatura, con la diffusione dell’atteso nuovo trailer, il quale ha suscitato reazioni entusiastiche per l’atmosfera e gli eventi che colpiranno Tony Stark e il suo alter ego. In una intervista concessa nei giorni scorsi a Collider, Kevin Feige ha fornito alcuni interessanti particolari circa la pellicola, confermando che nel film Stark non sa che l’agente Coulson è vivo (come vedremo in futuro su S.H.I.E.L.D., spiegando anche quali sia il reale collegamento tra Iron Man 3 e The Avengers.
“L’unica effettiva connessione che volevamo da Avengers in questo film è l’effetto che ha avuto sulla psiche di Tony. E’ stato nello spazio, è stato quasi ucciso da degli alieni impazziti, ha incontrato un dio che può distruggere tutta una foresta con un martello, ha incontrato un ragazzo di cui suo padre parlava dal 1945. Non è un errore che quando incontriamo Tony all’inizio di questo film, egli sia molto più comodo quando è in giacca e cravatta che in armatura. E un sacco di questo film vede Tony cercare di imparare a essere Tony Stark di nuovo fuori dall’armatura, e diciamo che riceve un aiuto in questo quando la sua casa viene completamente distrutta”.
In una intervista rilasciata a IGN a parlare del film, e soprattutto del villain principale, il Mandarino, è stato il regista Shane Black, il quale ha descritto la caratterizzazione, volutamente misteriosa, costruita attorno al personaggio.
“Sì, il Mandarino ha un background intelligente. La sua nazionalità non è mai chiara perché è avvolta dal segreto, ma ad un certo punto questo tizio cresciuto mangiando noccioline e diventato studente dell’arte della guerra e dell’antica simbologia cinese, attratto dalle tattiche insurrezionali dei confederati americani ha creato intorno a sé questo piccolo mondo di guerra. Il principio unico e unificante sembra essere un odio per gli Stati Uniti. Così egli rappresenta tutti i terroristi, in un certo senso, ma nello specifico ha ricreato se stesso nella maniera del Mandarino, di un signore della guerra. Penso che sia grandioso, perché si avvicina al fumetto, ma non ha a che fare con lo stereotipo di Fu Manchu. Non stiamo dicendo che è cinese, stiamo dicendo che in realtà egli disegna un mantello intorno a lui con dei simboli cinesi e dei dragoni, perché rappresentano la sua ossessione con Sun Tzu e varie antiche arti della guerra che ha studiato. Ecco, questo è quello che ci piace”.
Sul fronte merchandising la Hot Toys ha diffuso le immagini di due busti, basati sulle armature Mark VII di Iron Man e quella di Iron Patriot.

ironman3bust1
ironman3bust2

 
 dv240720__amazing_spider-man

Continua senza sosta a New York la lavorazione di The Amazing Spider-Man 2, e la settimana trascorsa è stata spunto di numerose notizie (e soprattutto immagini) provenienti dalla location delle riprese. Ad attirare l’attenzione dei fotografi e dei curiosi è stata l’attrice Shailene Woodley, che ha preso parte ad alcune sequenze girate il 4 marzo, in cui nel ruolo della rossa Mary Jane Watson era impegnata come cameriera all’Eisenberg Sandwich Shop, un ristorante che si trova nel Flatiron District a Manhattan, per la precisione tra la 22esima e la quinta avenue . Nella scena in questione, Mary Jane è testimone della distruzione di due automobili proprio davanti al luogo in cui lavora, uscendo all’esterno con aria abbastanza preoccupata, come potete vedere dalle immagini giunte dal set, che mostrano anche il regista Marc Webb intento a fornire alcune indicazioni alla giovane attrice.
 

shailene
Saline Woodley on set of Spider Man 2 in NYC
Shailene Woodley on the movie set of 'The Amazing Spider-Man 2' in NYC
Shailene Woodley on the movie set of 'The Amazing Spider-Man 2' in NYC
the_amazing_spider-man_2_20130305_1142447034
the_amazing_spider-man_2_20130305_1575120318
shailenewebb
the_amazing_spider-man_2_20130305_1869178012
spidey1

 
Nel frattempo, giunge un simpatico particolare dal set. Uno dei furgoni del Daily Bugle avvistato la settimana scorsa a Chinatwon durante alcune sequenze che hanno visti impegnati Andrew Garfield ed Emma Stone portava impressa la dicitura del sito web del quotidiano newyorchese, e digitandolo si viene condotti a una unica pagina con un simpatico disegno con protagonisti Goblin e l’arrampicamuri.
Intanto, secondo alcune indiscrezioni, alcune scene previste a Brooklyn per il 7 marzo sono state posticipate di qualche giorno e si svolgeranno così l’11 marzo. Le sequenze in questione dovrebbero essere filmate a Fuller Place tra Prospect Avenue e Windsor Place, dove si trova la casa di Peter Parker in cui questi abitava nel primo capitolo.
 
 
 
 
daysoffuturepast

Novità per

Mentre il regista Bryan Singer continua ad aggiornare i fan tramite il suo account su twitter, con cui nei giorni scorsi ha mostrato le immagini della costruzione del set di Cerebro nella versione da tutti conosciuta nella prima trilogia, è stato confermato nei giorni scorsi l’ingresso nel cast tecnico del sequel di John Ottman, compositore ed editor che in passato ha già collaborato con Singer per le musiche di X-Men 2 e di Superman Returns.
Intanto, in una intervista concessa nei giorni scorsi a Newsarama, ha espresso il suo pensiero sulla trasposizione sul grande schermo della saga ideata da lui e John Byrne negli anni ’80, lasciando trasparire speranze molto alte per il film e l’importanza di adattare al meglio una storia così complicata.
“La sfida, io credo, di Bryan è che il cuore della storia originale non è la lotta con la Confraternita al giorno d’oggi. La sfida, la storia, è in realtà quello che succederà in futuro. Come arrivare fino al punto in cui è possibile inviare indietro Kitty, e vedere le conseguenze di quello che accadrà se non ci riescono, e non sapendo alla fine come andrà a finire. Pensi che sarà un lieto fine, ma non ne siete sicuri, perché tutti più o meno muoiono nel fumetto, comunque. Si potrebbe vedere come un viaggio nel tempo, o come una dimensione parallela. E’ tutta una questione di come si vuole definire, e sono sicuro che loro hanno alcuni cervelloni sulla costa orientale che guadagnano un piccolo stipendio per trovare un modo plausibile. Questo è il divertimento di Hollywood. Come diavolo hanno intenzione di inserirlo in 120 minuti, non ne ho proprio idea”.
Nel frattempo, intervistato da Getty Images Entertainment durante la promoziona di Welcome to The Punch, suo ultimo film, l’attore James McAvoy ha confermato di non avere ancora letto la scenaggiatura del sequel.

“Lo script di X-Men? E’ nella mia casella di posta … non ho ancora avuto modo di leggerlo. Sono molto entusiasta, ma ho appena fatto così tante di queste interviste e lavorato di notte (nel Macbeth nel West End di Londra) … onestamente non vedo l’ora di leggerlo e scoprire quello che sto per fare, ma ho appena il tempo in questo momento”.

 cerebroset625
 
 
supermanlogohires

: novità

Continua la campagna promozionale in vista dell’uscita nei cinema tra qualche mese di Man of Steel. Nei giorni scorsi la Harper Collins ha diffuso le immagini delle cover di alcuni libri per bambini basati sul nuovo film di Zack Snyder che raccontano la storia di Superman e del suo pianeta Krypton e introducono i giovani lettori agli amici e ai nemici dell’uomo d’acciaio.

book1
book2
book3
book4
book5
book6

Intanto, la cittadina di Plano (Illinois), scelta per essere nel film la Smallville cinematografica e dove le riprese si sono svolte per parecchi mesi, sta pianificando di preparare una premiere della pellicola per il 14 giugno, data di uscita di Man of Steel, invitando i membri della troupe e chiunque abbia lavorato, anche come comparse allo Smallville Superfest, di cui è stata creata anche una pagina facebook ufficiale per ricevere informazioni.
La promozione comunque non va avanti solo a merchandising e piccoli eventi, in quanto secondo alcune indiscrezioni trapelate nei giorni scorsi, la Warner Bros. avrebbe già pronto un terzo trailer, che in USA dovrebbe essere diffuso allegato a 42 con Harrison Ford ad aprile, e di cui un utente del forum di Joblo, conosciuto come Scott ha diffuso una interessante e dettagliata descrizione.
 
 
 
Captain_America_2_logo

Captain America: The Winter Soldier 

Intervistato nei giorni scorsi da Screen Invasion, l’attore Dominic Cooper ha confermato che vi sono state alcune discussioni circa una possibile apparizione di Howard Stark in Captain America: The Winter Soldier, ma di ritenere che al momento la cosa sia molto difficile per via di alcuni impegni che lo vedono coinvolto.
“Io non so come … sono troppo occupato. Sto girando in questo momento, tutti i giorni, ma credo che rimarrò bloccato a Budapest , quindi al momento è davvero, davvero difficile… sì, si è parlato di questo, e ora non so se posso, e sarà davvero fastidioso perché mi sarebbe piaciuto farne parte. Sai, Penso che sia stato un momento così incredibile, e credo che – con il primo film – abbiano fatto un lavoro meraviglioso. Quindi, farò del mio meglio per fare tornare Stark in una sequenza di flashback, ma è piuttosto difficile in termini di programmazione in questo momento”.
 
 

Sam Raimi parla di Spider-Man 4 

In una interessante e lunga intervista diffusa nei giorni scorsi da Vulture, in occasione della promozione de Il grande e potente Oz, il regista Sam Raimi ha guardato al passato e all’occasione mancata di Spider-Man 4, film che venne messo in soffitta dalla Sony per dare il via all’attuale reboot cinematografico dell’arrampicamuri.

“È stata davvero la più amichevole e poco drammatica delle rotture: era semplicemente che avevamo una scadenza e non ero riuscito ad avere una storia su cui lavorare che fosse a un livello che l’avrebbe fatto funzionare. Ero molto infelice con Spider-Man 3, e ho voluto fare Spider-Man 4 per concludere il tutto con una nota molto alta, il miglior Spider-Man di tutti. Ma non ho potuto avere lo script in tempo, a causa dei miei fallimenti, e ho detto alla Sony, “Io non voglio fare un film che è meno grande, quindi credo che non dovremmo fare questa pellicola . Andate avanti con il vostro reboot, che avete intenzione di fare in ogni caso. E la co-presidente della Sony Amy Pascal mi disse: “Grazie. Grazie per non sprecare i soldi dello studio, e apprezzo la tua franchezza. Quindi ci siamo lasciat in ottimi rapporti, cercando di fare la cosa migliore per gli appassionati, per il buon nome di Spider-Man, e per gli Studios della Sony”.
Raimi ha inoltre confermato, per la prima volta, che l’attrice Anne Hathaway, all’epoca unico nome certo nel cast oltre ai protagonisti e a John Malkovich, era stata scelta per il ruolo di Felicia Hardy/Gatta Nera. A questo proposito, il regista ha risposto a una domanda circa il talento dell’attrice, che recentemente ha impersonato il personaggio di Catwoman in Il Cavaliere Oscuro: Il ritorno.

“Non sono riuscito a vedere Batman ancora, perché ho ​​lavorato senza sosta su Oz, ma ho sentito dire che lei è grande in quel film. Non mi sorprende, perché amavo quello che stava facendo con le audizioni per Spider-Man 4″.

 

Il cast di Kanojo wa Uso o Aishisugiteru

kanousocastSono stati annunciati nei giorni scorsi i nomi dei due protagonisti principali dell’adattamento cinematografico del manga Kanojo wa Uso o Aishisugiteru di Kotomi Aoiki. L’attore Takeru Satoh, già interprete di Kenshin Himura nel film live action di Rurouni Kenshin è stato scelto per il ruolo di Aki Ogasawara, mentre Sakurako Ōhara, una ragazza di 17 anni scelta in una audizione che ha visto la partecipazione di oltre 5000 ragazze, sarà Riko Koeda.
La pellicola sarà diretta da Norihiro Koizumi, mentre la sceneggiaturà sarà realizzata da Tomoko Yoshida. Le riprese si svolgeranno da marzo a maggio, per una uscita nelle sale giapponesi fissata per il mese di dicembre.
 
 

 Kevin Feige e la Fase 2 della Marvel

In una intervista apparsa nell’ultimo numero di SFX Magazine, Kevin Feige dei Marvel Studios ha parlato in maniera molto dettagliata della fase 2 dell’Universo Cinematografico Marvel, soffermandosi brevemente anche sul franchise di The Avengers, sottolineando che la forza della pellicola è l’interazione dei personaggi e confermando che la magia verrà esplorata attraverso il film del Dottor Strange, ma aggiungendo allo stesso tempo lo sbaglio di etichettare per genere questi “eventi”.

“La cosa più eccitante per noi del franchise di The Avengers è l’interazione tra questi personaggi. Inserirli in situazioni in cui non ci si aspetta di vederli. E’ quel tipo di divertimento… perché tutto quello che interessa sono Bruce e Tony, Tony e Steve, la Vedova e Bruce -.. e come Thor si inserisce in tutto questo, perché è sempre un estraneo tra degli estranei. I film sono tutti così eclettici e diversi tra loro che non si possono classificare con dei generi. Se e quando si entrerà nel campo della magia, sarà attraverso il Dottor Strange. E questo è per me ciò che è eccitante circa il Dottor Strange”.

 Per quanto riguarda invece altre pellicole in fase di sviluppo e post produzione, come Guardians of The Galaxy, Captain America: The Winter Soldier e Thor: The Dark World, Feige ha spiegato che la parola “cosmica” non è utilizzabile sempre, come ad esempio per quanto riguarda il sequel sulla leggenda vivente.

“Il film di Thor e il film dei Guardiani della Galassia sono certamente cosmici. I Guardiani e Thor avranno dalla loro il peso del lato cosmico dell’universo, in special modo i Guardiani, che è ambientato al 95% nello spazio. Penso invece che Iron Man 3 mostrerà un altro lato della Fase 2, il cui obiettivo è scavare più in profondità nei personaggi. Il film di Capitan America sarà una sorta di vetrina per questo; quello che è emozionante circa Cap è che nelle atmosfere è un film totalmente differente. Shane Black ha descritto Iron Man 3 come un thriller alla Tom Clancy. Noi abbiamo assunto i nostri registi per il film di Cap perchè a loro è piaciuta la nostra descrizione di quello che vogliamo, ovvero un thriller in stile anni ’70 mascherato come grande film di supereroi. Avevamo scelto Joe Johnston per il primo capitolo perchè volevamo un film ambientato nella 2a guerra mondiale mascherato da film di supereroi. Mi piace che stiamo facendo un sequel di un film con un genere completamente diverso da quello del primo film. Penso che sia divertente. E’ una cosa che i fumetti fanno tutte le volte”.

Per quanto riguarda infine il film dei Guardiani della Galassia, Feige è entrato più nello specifico, affrontando quelle che potrebbero essere o meno le connessioni con il resto dell’Universo filmico dei Marvel Studios.

“E’ più un film indipendente. Si svolge nello stesso universo. E quando siamo stati al di là di questo universo in altri film, è possibile visualizzare le caratteristiche dei Guardiani, ma i Vendicatori non sono affatto coinvolti con quello che sta succedendo là fuori in questo momento”.
 
kick-ass-2

Morris Chestnut parla di  

In una intervista per promuovere il suo ultimo film, The Call, che lo vede accanto ad Halle Berry, l’attore Morris Chestnut ha parlato per la prima volta di Kick-Ass 2, il sequel di Jeff Wadlow dove interpreta il ruolo del sergente di polizia Marcus Williams, parte in precedenza ricoperta da Omari Hardwick.
“Kick-Ass 2 sarà molto divertente. Sono molto orgoglioso di farne parte. Interpreto il tutore di Chloe Mortez [Hit-Girl ndr]. Nicolas Cage è morto nel primo film, così mi ha chiesto di prendermi cura di lei, e sto cercando di fare sì che faccia le cose giuste, andando a scuola, dando lei una educazione, restando lontana dalle strade, e da Kick-Ass. Ma lei non mi ascolta. Non ho molta azione in questo film. Sono una sorta di saggio guardiano. So cosa sta provando, cerco di farle comprendere cose del tipo ‘Non mi costringere a dover prendere una decisione. Perché io sono il tuo tutore e ti voglio bene e ho fatto una promessa a tuo padre che avrò cura di te, ma sono anche un ufficiale della legge. Quindi, se infrangerai la legge, e sarai là fuori a fare questo con Kick-Ass, io dovro prendere una decisione’.
 
the_wolverine_2013_movie-wide

 Dieci film per

 

Nei giorni scorsi, attraverso il suo account twitter, il regista James Mangold ha postato le immagini di dieci film che lo hanno ispirato nella realizzazione di The Wolverine. L’elenco include Hong Kong Express, Happy Together, Il Texano dagli occhi di ghiaccio, Erbe Fluttuanti, Narciso nero, Il cavaliere della valle solitaria, Chinatown, Il braccio violento della legge, 13 assassini e La trilogia del samurai.

 

The Crow e Wanted 2 

James McAvoy ha nei giorni scorsi negato un suo coinvolgimento nel nuovo adattamento cinematografico di The Crow come riportato nei giorni scorsi . Per quanto riguarda Wanted 2 ha invece aggiunto che la Universal preocederà solamente se avranno una buona storia da raccontare.

 

 Novità nel cast di The Sixth Gun

6thgun

Nuovi ingressi per il pilot di The Sixth Gun. Deadline riporta che gli attori Pedro Pascal, James Le Gros e Chin Han sono entrati nel cast dell’adattamento televisivo della serie pubblicata da Oni Press che vedrà protagonista l’attrice Laura Ramsey.
Pascal interpreterà il ruolo dell’agente speciale Ortega, il più giovane di due detective Pinkerton sulle tracce delle mistiche pistole. LeGros sarà invece Bill John O’Henry, un pistolero che è un compagno fedele e spalla di Drake Sinclair. Chin Han interpreterà Chow, un intrigante e brillante uomo machiavellico.

 

 

Avengers_Acura_ShieldOpsSite

Whedon parla di S.H.I.E.L.D.

Intervistato da Deadline per promuovere il film Much Ado About Nothing, il regista Joss Whedon è stato interpellato circa S.H.I.E.L.D., il pilot della ABC legato all’universo Marvel da lui scritto e diretto.

“E’ stato divertente da fare, ma ancora una volta, troppo lavoro. L’idea del piccolo ragazzo è una cosa di cui sono molto fiero, e non c’è mai stato un ragazzo più piccolo di Clark Gregg. Questo mi ha incuriosito, questo mondo intorno alla comunità dei supereroi. Sono le persone le cui vetrine saltano in aria quando il Distruttore si presenta. Sono le storie più intime che appartengono alla televisione da cui possono davvero attingere lo stile visivo e l’ethos, e anche alcuni aspetti della mitologia dei film Marvel. Credo che abbiamo messo insieme un altro gruppo davvero fantastico diretto da Clark… Per me la cosa più importante è che le persone si innamorino del pilot per i suoi meriti, piuttosto che chiedere costantemente: “Ci sara uno degli Avengers?’ Beh, non ci sara un Hulk perché quel ragazzo è troppo costoso”.

Per quanto riguarda invece una sua futura partecipazione nel ruolo di showrunner, nel caso che il pilot venga promosso a serie, Whedon ha fatto capire che sarà coinvolto nella maniera in cui il tempo glielo permetterà. e che cercherà di mantenere il tutto il più emozionante e coinvolgente possibile.

Etichette associate:

, , , , , ,
Fonte: The feed title

Comments are closed.